Regione Veneto Bandi e Gare Concorsi e Avvisi Albo online Azienda
Home > Guida ai servizi > Donazione di organi e tessuti

Donazione di organi e tessuti

Coordinamento Ospedaliero Trapianti (COT)
Presso l’Azienda Ospedale Università di Padova è attivo il Coordinamento Ospedaliero per i Trapianti (COT), per la donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto, che coordina a livello locale le attività deputate al processo della donazione, secondo la normativa vigente, Legge 1° aprile 1999, n. 914 “Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e tessuti”.
E’ una struttura che fa riferimento alla Direzione Sanitaria dell’Azienda, riconosciuta da Certiquality conforme alla norma europea UNI ISO 9001:2008 ed iscritta nell’elenco delle strutture sanitarie dell’Azienda Ospedaliera accreditate con certificato n. 5871.

I principali compiti del COT sono:
  • Individuare i potenziali donatori di organi, tessuti e cellule, gestire ed organizzare, in collaborazione con le strutture aziendali ed extraistituzionali, le attività necessarie a verificarne l’idoneità e il processo di prelievo.
  • Proporre la donazione di organi e tessuti e supportare le famiglie che si trovano nella necessità di decidere, qualora non fosse stata espressa volontà in vita dal loro caro.
  • Curare i rapporti con le famiglie dei donatori non solo nel momento della scelta, ma anche nei momenti immediatamente successivi, fornendo loro un sostegno psicologico da parte di personale qualificato.
  • Promuovere attività di informazione, educazione e crescita culturale della popolazione in materia di donazione e trapianto, in collaborazione con gli Enti Locali, le Scuole e le Associazioni di Volontariato, allo scopo di incrementare le espressioni di volontà.
  • Organizzare attività di formazione in materia di donazione per il personale sanitario.
Presso l’Azienda Ospedale Università di Padova si eseguono trapianti d’organo - fegato, rene, cuore, polmone, pancreas, midollo osseo - in pazienti adulti e pediatrici, e di tessuti: oculari, cardiaci, vascolari, membrane amniotiche, osteo-tendinei, cutanei e opercoli cranici.
Responsabile Dott. Demetrio Pittarello
Ubicazione Palazzina Neuroscienze, 2° piano
Telefono 049 8217648 - per urgenze cell attivo h24: 335 5704890
Email coord.osp.trap@aopd.veneto.it
Orari Dal Lunedì al Venerdì 07:00 - 20:00
Come esprimere la volontà di donare
E’ importante che ognuno si informi per poter scegliere e decidere in vita come esprimersi rispetto alla donazione dei propri organi e tessuti ed essere così certo che la propria volontà venga rispettata.
A tutt’oggi si può esprimere la propria volontà attraverso le seguenti modalità:
  1. Tesserino Blu del Ministero della Salute da compilare e conservare tra i documenti personali.
  2. Registrazione della propria volontà presso i Punti Informativi dei Distretti Sanitari e Presidi Ospedalieri della ASL di riferimento, o presso il medico di famiglia.
  3. Dichiarazione scritta che il cittadino porta con sé con i propri documenti. A questo proposito il Decreto legislativo 8 aprile 2000 ha stabilito che qualunque nota scritta che contenga nome, cognome, data di nascita, dichiarazione di volontà (positiva o negativa), numero di un documento di identità, data e firma, è considerata valida ai fini della dichiarazione.
  4. L'atto olografo o la tessera di una delle associazioni di volontariato della donazione o di pazienti.
  5. Compilando e firmando un modulo presso l’Ufficio Anagrafe di alcuni Comuni, al momento del rilascio/rinnovo della carta d’identità.
Per quanto riguarda i minori, sono entrambi i genitori a dover decidere e qualora uno dei due fosse contrario, non si potrà procedere al prelievo.
La dichiarazione di volontà può essere modificata in qualsiasi momento e sarà ritenuta valida l’ultima dichiarazione sottoscritta secondo le modalità indicate;
ovvero :
  • se il cittadino ha espresso la volontà favorevole alla donazione, i familiari non possono opporsi alla donazione
  • se il cittadino ha espresso la volontà contraria alla donazione, non può essere effettuato il prelievo di organi e tessuti
  • se il cittadino non ha espresso alcuna volontà, il prelievo è consentito se i familiari aventi diritto non si oppongono alla donazione.
Le Associazioni di volontariato di settore sono disponibili per dare indicazioni rispetto a tale tematica.
Ultimo aggiornamento: 12/04/2022